archivio

Uncategorized

“Comm se chiamave quell’ co’ e mane crosse? quell’ ca’ cantave in cinocchie ta me” “…ah, si, Cianne Morante, ma ere in cinocchie ta te, non ta me ” “è ucuale, semp’ e mane crosse teneve”

Nelle piccole verità che conosco, gesti noti, amati, danze in punta di matita, trovo il senso delle cose stesse, e del mio essere felice. A volte, ma solo a volte, per poco più di un quarto d’ora.